Home > Cosa fare a San Vito Lo Capo: il sentiero di Monte Monaco

Cosa fare a San Vito Lo Capo: il sentiero di Monte Monaco

sentiero di monte monaco

Pensare che San Vito Lo Capo sia una delle località turistiche siciliane più belle solo per il mare è un errore.

Salire sul Monte Monaco: il trekking a San Vito lo Capo

Certamente le spiagge sabbiose con i fondali chiari sono l’attrazione più forte di questa perla balneare d’Italia, ma San Vito lo Capo offre ai turisti molte altre attrazioni culturali e ambientali che vale la pena visitare almeno una volta nella vita.

Tra queste, quella che tutt’oggi continua ad attirare migliaia di visitatori da tutta Europa è il sentiero di Monte Monaco, una suggestiva camminata che gli amanti del trekking amano percorrere per godere della visuale più bella su tutto il golfo sanvitese.

Il sentiero di Monte Monaco

Monte Monaco si erge a est di San Vito Lo Capo, come una protezione, una porta che fa da scudo naturale agli invasori che arrivano da Oriente.

Molti anni fa era proprio sul monte che si svolgevano le attività lavorative più redditizie, ossia la pastorizia e la coltivazione dei terreni.

Per arrivare al proprio luogo di lavoro, pastori e contadini erano soliti risalire il monte attraversando un sentiero che tagliava trasversalmente il fianco di Monte Monaco.

Oggi quel sentiero è stato ripristinato per permettere agli amanti delle scalate in montagna e a chiunque voglia avventurarsi di vedere San Vito Lo Capo dal punto di vista più alto disponibile nelle vicinanze.

Il percorso inizia dalla strada comunale Mondello, alle spalle del paese, e si innalza fino alla vera cima del monte.

Per segnalare l’inizio del percorso giunge in aiuto un cartello apposito, che, oltre a far da guida segnaletica, fornisce alcune informazioni utili sul tracciato.

Cosa aspettarsi durante la passeggiata?

La natura variegata del percorso offre un punto incontaminato difficile da ritrovare in altri luoghi, se non forse al vicino Zingaro nella cui riserva si trova la stessa vegetazione e la stessa fauna locale.

A farla da padrone è proprio la tipica macchia mediterranea, con colori e odori che riempiono la vista e l’olfatto.

Andando più in alto si incrociano i resti di una cava di marmo ormai in disuso, ma in cui sono ancora visibili le tracce dei lavori dei minatori.

Qui, a circa metà percorso, si inizia ad intravedere una grande croce di legno. La croce segna il punto più alto, l’arrivo del percorso, alla fine del quale si trova una piccola nicchia con un quadernetto in cui gli avventori possono lasciare la propria firma a testimonianza della loro scalata.

La veduta da qui è panoramica e mozzafiato. Lo sguardo può spaziare ampiamente su tutto il golfo, da Erice a Monte Cofano a ovest e da San Vito Lo Capo al Golfo di Castellammare a est.

Come arrivare a San Vito Lo Capo?


Se vieni da Palermo puoi programmare una visita al sentiero di Monte Monaco anche in giornata, senza bisogno di pernottamento.

Arrivare a San Vito è facile grazie alla linea diretta di Autoservizi Russo con le corse Aeroporto Palermo – San Vito Lo Capo o Palermo Centrale (P.zza Cairoli) – San Vito lo Capo.

La partenza è frequente per tutto il periodo estivo,permettendo così ai visitatori di raggiungere San Vito con semplicità.

Per maggiori info consulta la sezione Orari e Tariffe o richiedi maggiori informazioni dalla nostra pagina contatti

Condividi su: